Massai Orafi, la bottega fiorentina nell'antica casa-torre | Gold Fashion Italy
15384
post-template-default,single,single-post,postid-15384,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Massai Orafi, la bottega fiorentina nell’antica casa-torre

Massai Orafi, la bottega fiorentina nell’antica casa-torre

Tra Por Santa Maria e piazza Santa Trinita, nel centro storico di Firenze, troviamo via delle Terme, la strada che prende il nome dalle antiche terme romane che ricevevano l’acqua dal Monte Morello e che ha conservato il suo sapore medievale senza essere toccata dai rifacimenti ottocenteschi né dalle distruzioni della Seconda Guerra Mondiale. Qui infatti ci sono alcuni esempi di edilizia medievale, le antiche case- torri, come la Torre dei Guidi ancora oggi in perfetto stato di conservazione. Poco distante al numero 13 un’altra casa torre del XVI secolo, dove, al quarto piano e con una vista sui tetti e i monumenti di Firenze ha sede la ditta Massai Orafi.

Fondata nel 1950 dal Maestro orafo fiorentino Franco Massai, l’azienda oggi è portata avanti dai figli che tramandano le antiche tecniche di lavorazione dell’artigianato orafo fiorentino con la produzione di pezzi unici fatti esclusivamente a mano di media e alta gioielleria. Entrare nella loro sede significa immergersi totalmente in una realtà che ci porta lontano nel tempo quando l’arte orafa fiorentina era conosciuta in tutto il mondo grazie anche a personaggi che la resero tale come Benvenuto Cellini. Le antiche tecniche del traforo, della cesellatura e dell’incisione qui non sono mai state abbandonate e rivivono per la gioia di chi sa apprezzare i pezzi unici di alta gioielleria.

Come il celebre bracciale “Botticelli” disegnato ed eseguito da Franco Massai che all’epoca si ispirò all’ Allegoria della Primavera, il capolavoro conservato nella vicina Galleria degli Uffizi e che ancora oggi viene riproposto alla clientela che sa apprezzare i capolavori della gioielleria fiorentina. Tante le collezioni che sono in grado di soddisfare i gusti e le esigenze di ogni tipologia di clientela, come non ricordare la collezione “Margherite” dedicata a un fiore semplice ma ricco di simbologia. Siamo davanti a uno dei momenti più alti della lavorazione della bottega orafa fiorentina, la filigrana e lo stile fiorentino sono esaltati per la realizzazione di una parure, collier, orecchini, bracciale, anelli, che non trova uguali nel panorama della produzione artigianale orafa.

Altro momento di alta gioielleria è la creazione di pezzi esclusivi e unici come l’anello “Sultano” che vediamo nella foto realizzato per Corona Gioielli Milano. Accanto a un opale di fuoco messicano di oltre 7 ct troviamo una profusione di pietre preziose, diamanti bianchi, smeraldi e diamanti brown montati su oro rosa, un anello prestigioso e sontuoso in grado di trasmettere forza e carattere.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.